La vita, le opere, le attività,  le battaglie, di un celebre artista

Le opere degli anni '50

Home
Biografia
Lo studio di villa blanc
Le opere giovanili
Le opere degli anni '50
Le opere degli anni '60
Le opere degli anni '70
Le opere degli anni '80
Le commissioni
Le mostre
L'attività accademica
Hanno scritto di lui
Scritti autografi
L'impegno civile
Villa blanc
Roccascalegna
Links altri siti
Associazione culturale
Archivio Norizie

 

Puoi contattarci al seguente
indirizzo E-mail:

 

scrivici@pietrodelaurentiis.it

 

L’artista abruzzese di Roccascalegna mentre vive e lavora a Roma serba i ricordi della sua regione e della sua terra. La tenacia e la caratteristica poeticità che le colline ed i monti circostanti e gli usi e costumi secolari imprimono durevolmente nel cuore.  In quasi tutte le sue opere i ricordi della sua terra e del folklore sono visibili e presenti, anche quando sono attenuati o culturalmente e spiritualmente rielaborati. I suoi ricordi espressi nelle sculture, non sono, in altre parole, che manifestazioni di sentimenti, di affettuosità. Dai primi passi mossi circa dieci anni prima, con l’estendersi delle sue esperienze e nozioni nella Capitale, non ha affatto dimenticato il suo mondo originario. Ha piuttosto immesso nell’antico il nuovo con una visione spaziale. Nell’essenzializzare i volumi “tormentati” ha effettuato una sintesi dei ricordi che restano ed appaiono ora come fatti spirituali. Nei segni grafici,  nella ricerca sulle superfici delle sue opere, e nei volumi dei corpi si intravede la ricerca di nuovi linguaggi e di alfabeti per ricostruire un nuovo metodo per la lettura dell’opera d’arte.

 

 

 

.

Il Pinguino, 1955