Casella di testo:  

La vita, le opere, le attività,  le battaglie, di un celebre artista

Lo studio di Villa Blanc

Home
Biografia
Lo studio di villa blanc
Le opere giovanili
Le opere degli anni '50
Le opere degli anni '60
Le opere degli anni '70
Le opere degli anni '80
Le commissioni
Le mostre
L'attività accademica
Hanno scritto di lui
Scritti autografi
L'impegno civile
Villa blanc
Roccascalegna
Links altri siti
Associazione culturale
Archivio Norizie

 

Puoi contattarci al seguente
indirizzo E-mail:

 

scrivici@pietrodelaurentiis.it

 

E’ sin dal 1959 che lo Studio di Scultura di Pietro De Laurentiis, è collocato all’interno del complesso del parco di Villa Blanc in via Nomentana, a Roma. L’edificio in cui esso si trova (vincolato come tutta l’area di Villa Blanc ai sensi della legge 1089/39), fu preso in affitto da Pietro De Laurentiis perché corrispondeva alle caratteristiche di un atelier:grandi stanze dagli alti soffitti nelle quali lavorare, un camino davanti al quale poter riflettere e discutere con gli amici artisti e intellettuali, un spazio di verde intorno per aiutare la concentrazione sul lavoro.

Lo Studio ha da allora e senza soluzione di continuità ospitato le opere dell’artista (molte di esse sono nate proprio lì), iniziative culturali, discussioni, lotte di impegno civile e culturale legate alla salvaguardia dei beni artistici e architettonici e alla produzione e diffusione culturale.

Ancora oggi esso conserva l’importante collezione di grandi opere dello scultore (una quarantina di sculture in vari materiali), i suoi attrezzi e l’arredo originale, configurandosi così come un’esposizione permanente non solo della produzione di un artista il cui valore è riconosciuto dalla critica, ma anche del suo metodo di lavorare e  di produrre arte.

Da un punto di vista artistico l’opera di Pietro De Laurentiis scultore assume a partire dagli anni Cinquanta, ovvero il periodo in cui inizia a operare all’interno dello Studio di Villa Blanc, un valore indiscusso riconosciuto dalla grande critica (da Argan a Battisti, da Pica a Menna) che lo inserisce in quel filone culturale che a partire da quegli anni andava ridiscutendo, verificando e sondando le possibilità espressive del Moderno.Da un punto di vista storico, poi, lo Studio di Pietro De Laurentiis, rappresenta, a partire dalla fine degli anni sessanta, uno dei punti di aggregazione della vita culturale e civile della Capitale. Sono note a tutti le battaglie per la salvaguardia di beni artistici e architettonici, progettate tra gruppi di amici e intellettuali, durante le lunghe serate passate a discutere davanti al caminetto dello Studio: da quella per Villa Blanc a quelle per le Mura Aureliane, Villa Torlonia, Villa Mirafiori ed altri parchi di Roma.

L’impegno civile partiva da un vero e proprio progetto culturale, frutto del confronto su questioni fondamentali con gli amici, storici dell’arte e dell’ architettura, urbanisti, pittori, scultori, letterati, poeti, ma anche allievi della facoltà di architettura, che negli anni tormentati della contestazione studentesca trovavano in lui oltre che una docente che li sapeva coinvolgere nell’attività didattica e nella sperimentazione, anche un interlocutore.

 

Dalla sua morte, l’atmosfera nell’edificio dentro Villa Blanc, non è cambiata. La famiglia De Laurentiis ha mantenuto, per esplicito volere dell’artista scomparso, la tradizione di fare dello Studio un centro aperto a studi e discussioni dove studenti e studiosi, possono continuare i loro studi grazie all’accoglienza riservata loro.

Ancora oggi lo Studio di Pietro De Laurentiis rimane un punto di riferimento per chiunque voglia intraprendere battaglie civili per la conservazione e la valorizzazione dei beni artistici italiani, respirando l’atmosfera di dialogo e di discussione che lì aleggia dai primi giorni del 1959. Si tratta, insomma, di un luogo in cui memoria, coscienza del valore della memoria e lotta per la sua conservazione coincidono.

Questo luogo deve diventare uno spazio espositivo gestito dal Comune di Roma. Le opere, devono essere visitate da tutta la cittadinanza, come d’altronde è stata sempre la volontà dell’artista .

 

 

Giugno 2003—Conferenza stampa nello studio di Pietro De Laurentiis per il ritrovamento delle opere rubate alcune mesi prima.

Aprile 2005—Un grave atto vandalico nello studio